Scoperto l'innesco genetico per la crescita dei capelli che può curare la calvizie

 Gli scienziati hanno scoperto il segnale molecolare che innesca una potente crescita dei capelli sia negli uomini che nelle donne. La scoperta di questa molecola di segnalazione, SCUBE3, potrebbe finalmente porre fine a condizioni di calvizie e caduta dei capelli come l'alopecia.

Un uomo calvo che cerca pettinarsi dei pochissimi peli sulla sua coronna della testa
 Un uomo calvo che cerca pettinarsi dei pochissimi peli sulla sua coronna della testa
I ricercatori dell'Università della California-Irvine affermano che le cellule della papilla dermica sono responsabili della promozione della crescita di nuovi capelli. Questi sono fibroblasti specializzati che producono segnali (cellule che producono collagene) che si trovano nella parte inferiore di ciascun follicolo pilifero. Sebbene gli scienziati sapessero che le cellule della papilla dermica contribuivano alla crescita dei capelli, fino ad ora non avevano un quadro chiaro del processo genetico dietro di esso.

"In momenti diversi durante il ciclo di vita del follicolo pilifero, le stesse cellule della papilla dermica possono inviare segnali che mantengono i follicoli dormienti o innescano la crescita di nuovi capelli", afferma Maksim Plikus, Ph.D., professore di biologia cellulare e dello sviluppo UCI, in una liberatoria universitaria. "Abbiamo rivelato che la molecola di segnalazione SCUBE3, prodotta naturalmente dalle cellule della papilla dermica, è il messaggero utilizzato per "dire" alle cellule staminali dei capelli vicine di iniziare a dividersi, il che annuncia l'inizio di una nuova crescita dei capelli".

Lo studio rivela che l'attivazione di SCUBE3 da parte delle cellule della papilla dermica è un passaggio chiave nella crescita dei capelli sia per i topi che per le persone.

Cosa succede quando la crescita dei capelli va storta?

In condizioni come l'alopecia androgenetica, le cellule della papilla dermica non funzionano correttamente. Ciò riduce la quantità di molecole attivanti normalmente abbondanti disponibili. Durante il nuovo studio, i ricercatori hanno utilizzato topi con cellule della papilla dermica iperattivate e peli in eccesso per esaminare questo processo di segnalazione.

"Lo studio di questo modello murino ci ha permesso di identificare SCUBE3 come la molecola di segnalazione precedentemente sconosciuta che può guidare la crescita eccessiva dei capelli", osserva il co-primo autore Yingzi Liu, ricercatore post-dottorato dell'UCI in biologia cellulare e dello sviluppo.
Ulteriori studi hanno confermato il ruolo di SCUBE3 nell'attivare la crescita dei capelli negli esseri umani e nei topi. Negli esperimenti, il team ha iniettato SCUBE3 nella pelle del topo che conteneva follicoli trapiantati del cuoio capelluto umano. La molecola ha innescato una nuova crescita di capelli sia nei follicoli piliferi umani che in quelli circostanti.

"Questi esperimenti forniscono dati di prova di principio che SCUBE3 o le molecole derivate possono essere una promettente terapia per la caduta dei capelli", spiega il co-primo autore Christian Guerrero-Juarez, un ricercatore post-dottorato dell'UCI in matematica.

Al momento, ci sono solo due farmaci disponibili che hanno ricevuto l'approvazione della Food and Drug Administration statunitense per il trattamento dell'alopecia androgenetica: finasteride e minoxidil. Tuttavia, la finasteride è approvata solo per l'uso negli uomini ed entrambi i farmaci producono risultati incoerenti. I pazienti devono anche assumere questi farmaci ogni giorno per vedere i risultati.

"C'è un forte bisogno di nuovi ed efficaci farmaci contro la caduta dei capelli e i composti naturali che sono normalmente utilizzati dalle cellule della papilla dermica rappresentano candidati ideali per il trattamento di prossima generazione", conclude Plikus. "Il nostro test nel modello di trapianto di capelli umani convalida il potenziale preclinico di SCUBE3".

Lo studio è pubblicato sulla rivista Developmental Cell.

CONVERSATION

Metodo ZAFFIRO
Lo zaffiro è più vantaggioso delle lame con punta in acciaio. Le lame con la punta in acciaio perdono la loro affilatura nel tempo, causando danni nella pelle. Ma lo zaffiro non perde la sua nitidezza, è un cristallo resistente e non causa danni eccessivi sulla pelle.