Clonazione dei capelli: la cura definitiva per la calvizie?

Clonazione dei capelli: la cura definitiva per la calvizie?
 La clonazione dei capelli potrebbe essere la cura definitiva per la calvizie? La clonazione dei capelli, nota anche come moltiplicazione dei capelli, mantiene la promessa di capelli illimitati. In linea di principio, anche qualcuno che è completamente calvo potrebbe ripristinare una piena capigliatura tramite iniezioni di cellule staminali rigenerative del follicolo pilifero. Ma la caduta dei capelli è stata un dado persistentemente difficile da spezzare e non c'è carenza di olio di serpente che promette troppo e non fornisce.

Non è così quando si tratta di clonazione dei capelli, secondo il chirurgo leader nel trapianto di capelli del Regno Unito, il dottor Bessam Farjo, il quale ipotizza che la procedura potrebbe essere disponibile per i pazienti già dalla fine del 2022 all'inizio del 2023.

Anche la dottoressa Sara Wasserbauer, chirurgo certificato per il trapianto di capelli, è ottimista sulla tecnologia, ponendo la sua disponibilità un po' più avanti nel futuro, più simile al 2025/2026, salvo ulteriori ritardi legati al Covid.

Ma, non così velocemente avverte esperta di fama mondiale nei problemi dei capelli, la dott.ssa Antonella Tosti. Quando si tratta di cellule staminali, è importante distinguere tra ringiovanimento dei capelli e ripristino dei capelli, con quest'ultimo a distanza di almeno un decennio. Nel frattempo, ci sono diversi modi per ottimizzare la salute dei capelli.

Allora, cos'è la clonazione dei capelli e come funziona? Una singola ciocca di capelli resistente è prodotta da migliaia di cellule staminali chiamate papille dermiche, situate alla base, cioè nel bulbo, di ciascun follicolo pilifero. Nasciamo con tutti i follicoli piliferi che avremo mai - circa 100.000. Ma la loro durata è limitata. L'invecchiamento, la genetica, il testosterone, il cancro, persino il Covid-19 possono uccidere le cellule staminali che compongono i capelli. Quando le papille dermiche scompaiono nel tempo, i follicoli si "miniaturizzano" e diventano dormienti. Una volta che un follicolo pilifero diventa dormiente, non può essere ripristinato.

Entra nella clonazione dei capelli. Ciò a cui si riferisce la clonazione dei capelli è la replica in laboratorio delle papille dermiche, spiega il dottor Farjo. "Quello che fai è isolare queste cellule dai capelli di qualcuno e poi coltivarle in un mezzo particolare che consente a questi capelli di moltiplicarsi in migliaia".

La clonazione dei capelli non è un concetto nuovo. In passato, sono stati fatti tentativi per far crescere semplicemente queste cellule in laboratorio e poi iniettarle nuovamente nella testa della persona da cui le cellule hanno avuto origine. Questi sforzi, tuttavia, sono falliti negli ultimi 20 anni.

Ciò che dà al dottor Farjo motivo di ottimismo è che negli ultimi anni si è assistito a una rinascita della ricerca in questo campo. Diverse aziende in tutto il mondo, tra cui HairClone, con cui entrambi i Dr. Farjo e Wasserbauer sono affiliati, hanno accelerato il ritmo della ricerca perché la biologia dei capelli è notevolmente avanzata.

"Ora abbiamo nuovi modi per coltivare queste cellule in laboratorio che migliorano le loro possibilità di stimolare la crescita dei capelli", afferma il dottor Farjo.

È qui che entra in gioco l'importantissima distinzione tra ringiovanimento dei capelli e rigenerazione dei capelli. C'è una differenza tra la clonazione del follicolo stesso, ovvero la creazione di un follicolo nuovo che rigenera i propri capelli, spiega il Dr. Wasserbauer. Probabilmente mancano 10 o 20 anni. Ciò che è imminente è la clonazione delle cellule delle papille dermiche, che serve ad addensare i capelli esistenti diradati.

Quindi, piuttosto che tentare di far crescere un capello dal nulla in una pelle completamente calva, queste cellule vengono introdotte nei capelli che stanno per uscire. In questo modo, il diradamento dei capelli viene invertito. "Invece di sembrare un capello diradato e morente, potrebbe essere rianimato in un capello maturo e di buona qualità", spiega il dottor Farjo.

Il modo in cui funziona è questo: fino a 100 follicoli piliferi vengono rimossi dalla parte posteriore della testa del paziente in modo simile a un trapianto di capelli, con un'estrazione di unità follicolari o FUE. Quei peli vengono poi crioconservati in una banca di tessuti. Questo ferma il processo di invecchiamento dei capelli. Quando arriva il momento di introdurre il trattamento al paziente, 5 o 6 di quei follicoli vengono scongelati e le cellule di base nella radice vengono isolate. Queste cellule vengono quindi coltivate in laboratorio e moltiplicate. Le cellule moltiplicate vengono quindi iniettate nelle aree della testa del paziente dove i peli si stanno assottigliando.

"Il concetto è che iniettiamo queste cellule vicino alle radici dei peli esistenti e facciamo affidamento sul fatto che queste cellule trovino la loro strada per rientrare nelle radici che appartengono ai peli più sottili e ripopolare la radice", spiega il dottor Farjo .

"Quindi ora, non solo hai più cellule all'interno della radice, ma hai cellule che provengono da questi capelli originali che provengono dalla parte posteriore della testa che sono capelli di qualità migliore e che dovrebbero invece contribuire a costruire capelli di qualità migliore di quello che stava miniaturizzando”.

L'unica banca dei tessuti nel mondo specificamente orientata alla crioconservazione dei follicoli piliferi - Hair Clone - si trova nel Regno Unito. I pazienti negli Stati Uniti possono sottoporsi alla procedura di estrazione e, sebbene il processo di crioconservazione venga avviato qui, i campioni di tessuto vengono inviati nel Regno Unito per l'attività bancaria.

Poiché questa procedura non è approvata dalla FDA, le iniezioni di cellule staminali dovranno avvenire anche nel Regno Unito. "Speriamo che la FDA conceda l'approvazione per lo stoccaggio di tessuti presso le strutture di stoccaggio degli Stati Uniti entro l'anno", afferma la dott.ssa Wasserbauer, che, ad oggi, ha eseguito estrazioni in quasi 100 pazienti da quando ha iniziato a offrire la procedura nel 2020.

Alcuni esperti, tuttavia, dubitano dell'imminenza di questa tecnologia. "L'idea è lì: introdurre cellule staminali nel follicolo per aumentare la popolazione delle papille dermiche in modo da far crescere capelli più spessi, ma questo non sta accadendo in questo momento", afferma il dottor Tosti. “I giornali pubblicati non lo mostravano. È ben lungi dall'essere vicino negli studi clinici".

La cosa più vicina alla clonazione dei capelli in questo momento e ciò che stanno facendo alcuni medici trapiantati è sezionare il bulbo di un follicolo e impiantare i due mezzi bulbi risultanti per creare due follicoli. "Questo è il massimo che sia mai stato ottenuto", afferma il dottor Tosti.

Sebbene il diradamento dei capelli e la calvizie abbiano molte cause, un fattore da non trascurare quando si tratta di forza dei capelli è la salute del cuoio capelluto. “Ora sappiamo che il cuoio capelluto è molto, molto importante. Non sono solo i follicoli", afferma il dottor Tosti, spiegando che i capelli compiono un viaggio di tre settimane dal follicolo alla superficie del cuoio capelluto. I capelli sono spessi prima di raggiungere il cuoio capelluto. Ma, se il cuoio capelluto è malsano, i capelli emergenti sono danneggiati.

Un'igiene molto buona è fondamentale per mantenere un cuoio capelluto sano, alleviando condizioni infiammatorie come la dermatite seborroica pruriginosa e traballante (la forfora è la sua cugina lieve) causata dalla crescita eccessiva di lievito.

In generale, consiglia il dottor Tosti, "è molto importante evitare l'infiammazione del cuoio capelluto perché è un fattore scatenante molto importante per la caduta dei capelli e peggiora anche diversi tipi di problemi di capelli". In cosa consiste una buona igiene del cuoio capelluto? Per il Dr. Tosti si tratta di uno shampoo frequente (almeno 3 volte a settimana per i capelli caucasici e asiatici e meno per i capelli afroamericani più delicati) con uno shampoo adatto al tipo di capello.

Inoltre, secondo il dottor Tosti, è anche molto importante seguire una dieta sana. Idem per evitare l'esposizione al sole e l'inquinamento. Inoltre, consiglia il dott. Tosti, “cercare di eliminare gli interferenti endocrini [come i ritardanti di fiamma, i pesticidi e il BPA dalla plastica] dall'ambiente e dalla dieta. Cerca di mangiare biologico – è quello che dico sempre ai miei pazienti – e fai molta attenzione alle sostanze chimiche che metti sul cuoio capelluto perché alcune di queste sostanze chimiche possono avere un effetto negativo sulla crescita dei capelli”.

Quindi, supponiamo che tu abbia raccolto i fatti e deciso di fare affidamento sui follicoli piliferi. Sei un buon candidato per la clonazione dei capelli? Se sei un uomo che non è diventato completamente calvo, ma i cui capelli sono in procinto di diradarsi, la risposta è sì. E non sorprende che più giovane sia, meglio è perché "sappiamo dai nostri studi che i tessuti giovani e i giovani follicoli piliferi crescono meglio in coltura", afferma il dottor Farjo.

Anche le donne con diradamento dei capelli sono le prime candidate in quanto normalmente non diventano calve e non ci sono molti trattamenti per trattare il diradamento dei capelli nelle donne, secondo il dottor Farjo.

Una cosa da tenere a mente è che all'inizio è improbabile che questo trattamento sia un processo una tantum. La procedura potrebbe dover essere ripetuta fino a tre volte nel corso di un periodo di 10 anni perché la caduta dei capelli di tipo maschile e la caduta di capelli di tipo femminile sono condizioni progressive.

"Anche se stai iniettando cellule in una radice esistente e la ringiovanisce, le cellule esistenti in quella radice vogliono continuare a miniaturizzare", spiega il dottor Farjo. "Quindi, potresti ottenere un po' più di miniaturizzazione nei due o tre anni successivi e poi dovrai trattarli di nuovo, fino ad arrivare al punto in cui l'intero capello viene stimolato da queste nuove cellule ed è allora che dovrebbe smettere la miniaturizzazione”.

I costi per operazioni bancarie, conservazione e iniezione sono pari a quelli di un trapianto di capelli. In banca o non in banca? Questa è la domanda. La dottoressa Wasserbauer ha già fatto una bancata sui follicoli piliferi di suo marito e ha detto che avrebbe bancato anche quelli dei suoi figli se fossero stati abbastanza grandi. "Molti potrebbero vederlo come una polizza assicurativa per la vita futura", afferma il dottor Farjo.

CONVERSATION

Metodo ZAFFIRO
Lo zaffiro è più vantaggioso delle lame con punta in acciaio. Le lame con la punta in acciaio perdono la loro affilatura nel tempo, causando danni nella pelle. Ma lo zaffiro non perde la sua nitidezza, è un cristallo resistente e non causa danni eccessivi sulla pelle.